7 Maggio Mag 2024 1004 13 days ago

Che spettacolo a Bari per il primo Tricolore FISDIR/FCI!

Un evento storico per l’attività della Federazione Ciclistica Italiana e della Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali che, per la prima volta, hanno assegnato un titolo agonistico nel ciclismo ad atleti con disabilità intellettiva e relazionale

DSC00333

Un vero e proprio spettacolo domenica sul lungomare di Bari, palcoscenico del primo Campionato Italiano FISDIR/FCI FAUMCUP. Una manifestazione nata grazie al protocollo d’intesa tra FCI e FISDIR, da cui è stato possibile elaborare un Regolamento tecnico che consente agli atleti con disabilità intellettiva e relazionale, dai 16 anni in poi, di poter praticare il ciclismo a livello agonistico. La Fondazione Allianz UMANA MENTE ha voluto partecipare subito attivamente a questa proposta, poiché rientra tra le loro mission istituzionali. Si tratta di un evento storico per l’attività della Federazione Ciclistica Italiana e della Federazione Italiana Sport Paralimpici degli intellettivo relazionali che, per la prima volta, hanno assegnato un titolo agonistico nel ciclismo ad atleti con disabilità intellettiva e relazionale che finora potevano svolgere solo attività di tipo promozionale (prove di abilità) o dimostrativo (apripista in eventi agonistici).

Finalmente, quindi, anche il ciclismo rientra tra le discipline sportive nelle quali tali atleti hanno anche una prospettiva agonistica: operazione con la quale la Federazione intende abbattere ulteriori barriere, creando forme di attività che consentano a tutti, nessuno escluso, di entrare a far parte del mondo delle due ruote. Ne è uscita una bellissima festa per tutti, atleti, staff e pubblico, grazie anche alla coinvolgente animazione dei ragazzi del gruppo LeZZanZARE di Bari, la cui simpatia ha intrattenuto i presenti per tutto l'arco della giornata.

Tante le presenze di ieri a Bari, riempita dai tanti ragazzi e ragazze che hanno partecipato alla cronometro individuale, fulcro dell’evento che ha visto anche lo svolgimento di una manifestazione promozionale di abilità aperta ai giovani under 16 e una pedalata per HugBike, le cosiddette “bici degli abbracci”: ad assistere ed applaudire i partecipanti, anche l'Assessore alle Politiche Educative giovanili del Comune di Bari Paola Romano, il Vicepresidente Vicario Carmine Acquasanta ed il presidente del C.P. Bari Gaetano Nesta.

L’evento organizzato in maniera impeccabile dalla Scuola di Ciclismo Franco Ballerini capitanata da Giuseppe Marzano ha previsto una prova a cronometro individuale per i 21 atleti provenienti da diverse regioni italiane, che si è snodata su un circuito allestito sul lungomare Nazario Sauro e si è avvalsa del fondamentale supporto della Fondazione Allianz UMANA MENTE, a fianco della FCI e della FISDIR nella realizzazione di eventi agonistici dedicati agli atleti con disabilità intellettive e relazionali.

La manifestazione di Bari, approvata dal Settore Paralimpico, ha visto la presenza del Direttore Tecnico Nazionale Giovanile dott.ssa Silvia Epis, che ha coadiuvato l’organizzazione nella parte più squisitamente tecnica. Tutto è stato realizzato ed organizzato seguendo i canoni di sicurezza e di controllo che caratterizzano le manifestazioni ciclistiche nazionali, grazie anche alla presenza delle moto staffette e della Polizia Locale di Bari. La Giuria, composta dal Giuseppe Milone in qualità di Presidente, Mariangela Sasso come Giudice di Arrivo e da Giuseppe Simeone (giudice in moto), ha garantito il regolare svolgimento della prova.

Pietro Petruzzelli, Assessore allo Sport di Bari: “Quella di ieri a Bari è stata una splendida manifestazione: si tratta del primo evento agonistico di ciclismo in Italia dedicato a ragazzi e ragazze con disabilità intellettive. Siamo contenta di averla ospitata qui a Bari, città in cui è presente un’eccellenza come la Scuola di Ciclismo Franco Ballerini. Questa giornata dimostra come lo sport sia in grado di accorciare le differenze e ridurre le distanze, in una location bellissima”.

Pino Marzano, presidente Scuola di Ciclismo Franco Ballerini: “Il primo Campionato Italiano dedicato alla disabilità intellettiva è un premio alla nostra attività, che svolgiamo da oltre 20 anni: sono veramente orgoglioso di averlo portato nella mia città”.

Nicola Corti, Segretario Generale Fondazione Allianz UMANA MENTE: “La nostra fondazione da sempre crede nello sport inclusivo e quando abbiamo notato l’assenza di gare ciclistiche agonistiche per ragazzi con disabilità intellettive abbiamo deciso di supportare questa bellissima iniziativa. Oggi è la gara numero 0: si parte da Bari e sarà il primo di una serie di appuntamenti che vedranno protagonisti atleti veri che fanno la differenza”.

Il prossimo appuntamento sarà il 28 settembre ad Iseo, dove in palio di saranno i titoli italiani Fuoristrada.

I CAMPIONI ITALIANI PER CATEGORIA:

II1 – Nicolas Lausi (Paco Team) – Elena Acquafresca (Pol.va. Gaetano Cavallaro)
II2 – Pietro Lorenzo Fiana (Cus Propatria Milano Triathlon) – Anna Casati (Valcavallina Superbike)
IIQ – Matteo Giuliani (Paco Team)

TUTTE LE CLASSIFICHE