22 Marzo Mar 2021 1535 2 months ago

L’ABCletta 2 ruote per apprendere in occasione del GP Liberazione

Progetto in essere dal 9 marzo al 25 aprile, promosso e sostenuto dal Team Bike Terenzi, con la collaborazione della ASD Romano Scotti, nell’ambito del 74° Gran Premio Liberazione.

Loc AB Cletta

C’è un Gran Premio Liberazione che è ciclismo, e c’è un gran premio liberazione che è bicicletta. Il primo è corsa, gara, competizione, agonismo, l’altro è gioco, arte, incontri, letteratura. Tutti e due si ispirano e si dedicano alle avventure a pedali: il primo a suon di gambe, il secondo a forza di immaginazione. Perché il ciclismo è lo sport della bicicletta, e la bicicletta è allegria e poesia, agisce su umore e fantasia, stimola attenzione e memoria, è movimento e allenamento, ma anche cambiamento e decisione, lubrifica la flessibilità e semplifica la vita, è di tutti e per tutti. E se il Gran Premio celebra la Liberazione, la bicicletta esprime la libertà.

Promosso e sostenuto dal Team Bike Terenzi, con la collaborazione della ASD Romano Scotti, il progetto “L’ABCletta” nasce nell’ambito del 74° Gran Premio Liberazione. La corsa si terrà su strada domenica 25 aprile a Roma sullo storico circuito delle Terme di Caracalla, il progetto è già in pista da marzo anche se – dati i tempi - a debita distanza. Il primo appuntamento si è svolto in collegamento audiovideo tra Francesca Baroni, campionessa italiana di ciclocross, e gli studenti dell’Istituto statale istruzione superiore per i sordi Magarotto di Roma, a cura del giornalista e scrittore Marco Pastonesi. La successiva proposta è la “Camera d’aria” ideata da Fernanda Pessolano, una scatola con attività tra gioco e letteratura (Gianni Rodari, Giusi Quarenghi, Bruno Munari, Marco Pastonesi) dedicata alla bici e alla diversità, corredata di tutorial, carte tattili, poesie e filastrocche, danza animata con la lingua dei segni, schede e materiali didattici. A distanza e in presenza un dialogo tra adolescenti e bambini, insegnanti e artisti, in particolare tra i ragazzi dell’Istituto statale superiore per i sordi Magarotto di Roma e i bambini dell’Istituto comprensivo Pablo Neruda di Roma.

Un “allenamento” ciclistico e di apprendimento dove attenzione, ascolto, fantasia, desideri, gioco e diversità fanno a gara con esercizi di scrittura e di rima, lingua dei segni e trascrizioni in braille, mondo tattile e realtà. Tutto a pedali, naturalmente.

Partecipano: Caterina Acampora, lettura ad alta voce; Francesca Baroni, campionessa italiana ciclocross; Elena Leonardelli, artista sand art; Anna Mallamaci, lettura ad alta voce; Ugo Micheli, illustrazione; Marco Pastonesi, scrittore e giornalista sportivo; Benedetto Patruno, lettura ad alta voce; Fernanda Pessolano, ideatrice e attività laboratoriali; Aurora Pica, lettura danzata con la lingua dei segni; Fausto Scotti, ct Nazionale Ciclocross; studenti dell’Istituto comprensivo Pablo Neruda e ISISS Magarotto.

Info: FB Biblioteca della bicicletta Lucos Cozza www.bibliotecadellabicicletta.it

tel 3498728813 – Fernanda Pessolano