11 Gennaio Gen 2021 1120 5 months ago

Commissione giovanile - Il bilancio del quadriennio

La relazione di fine mandato del responsabile Fabrizio Cazzola: "Orgoglioso dell’operato di tutta la Commissione a cui va il mio più profondo ringraziamento, fiducioso che quanto fatto possa essere il punto di partenza per altri grandi progetti"

Giovanissimi In Villa

A conclusione di questo quadriennio olimpico vorrei fare il bilancio sull’operato della commissione giovanile da me presieduta, il primo ringraziamento va al Consiglio Federale per la fiducia che abbiamo avuto, al consigliere Maurizio Ciucci e a tutti i componenti della commissione ad iniziare dal compianto Sebastiano Dabbene per passare poi a Vittorino Gasparetto, Andrea Tony, Valter Zanardo, Giuseppe Marzano, Giuseppe Mendini, Alfio Sciuto e il fortissimo Roberto Fontini. Insieme in questi 4 anni abbiamo costruito ed approfondito grandi iniziative e progetti.

In primis vorrei segnalare che in questi 4 anni il numero dei tesserati alla categoria giovanissimi è rimasto quasi costante e si attesta attorno agli 11500 bambini che diventano circa 14000 se aggiungiamo le tessere PG, abbiamo registrato un calo del 13% solo in questo ultimo anno dovuto al Covid e alla scarsa attività che le nostre società hanno potuto fare. Tuttavia l'incremento dei tesseramenti PG ha permesso di mantenere abbastanza stabile il numero di tesserati.

Abbiamo apportato grandi cambiamenti al sistema giovanile, tra le cose più eclatanti ed apprezzate sicuramente il blocco alle 28 gare agonistiche annue, fatto per incentivare le attività promozionali e distogliere il focus sull’agonismo. Questo passo è stato molto combattuto ma alla fine apprezzato da tutti i comitati regionali.

Abbiamo dato un’impronta nuova al meeting giovanile mettendo in primo piano l’aggregazione, assegnando un punteggio alla sfilata in modo che la giornata del giovedì diventasse fondamentale per la classifica e regalasse a tutti i ragazzi un momento di spensieratezza. Abbiamo introdotto nella qualificazione la Gincana Sprint che ha cambiato le dinamiche della gara di velocità.

Dopo tanti anni abbiamo riportato il meeting al sud Italia, voglio ringraziare tutte le società che hanno partecipato, non è stato facile ne realizzarlo ne raggiungere il paesino del campo gara, ma la città di Matera e la location destinata agli alberghi ci ha permesso di divertirci e di vivere un bel week end spensierato. Nella stessa location del meeting siamo riusciti ad organizzare nel mese di aprile una riunione con tutti i comitati, un bel momento di dialogo e confronto sulle tematiche giovanili.

Siamo riusciti in questo quadriennio ad intensificare i rapporti con il Ministero dell’Istruzione inserendoci nel Piano di Offerta Formativa Nazionale per l’Educazione Stradale, con il progetto “La Sicurezza in Bicicletta”, insieme ad altre prestigiose istituzioni. In questo modo molte società hanno avuto l’opportunità di entrare facilmente nelle scuole. Grazie ai rapporti instaurati con gli altri partner è stato possibile creare collaborazioni con la Polizia Stradale e con Fondazione ANIA. Con quest’ultima Istituzione abbiamo partecipato all’iniziativa ANIA Campus con il progetto “Sicuri in Bicicletta”, iniziativa svolta nel 2019 in 6 location di altrettante regioni con il coinvolgimento di tecnici del territorio identificati dai Comitati Regionali.

Dopo una partenza in sordina è cresciuto anche il Trofeo CONI che grazie al supporto di Roberto Fontini ha cambiato la sua formula ed identità, l’ultima edizione è stata molto emozionante e tutti i ragazzini si sono divertiti moltissimi.

Siamo riusciti dopo tanto tempo ad introdurre la Balance Bike ed abbassare l’età assicurativa dei nostri tesserati, ora la tessera Minibiker PG è aperta dai 3 ai 6 anni e possono tranquillamente partecipare al gioco ciclismo.

Abbiamo poi intrapreso i seguenti progetti:

- Scuole Aperte allo Sport – Sport e Salute SPA (coinvolti 19 tecnici di 10 regioni). Attività ciclistica all’interno degli Istituti Scolastici sia nelle ore di Educazione Fisica che in orario pomeridiano extracurriculare

- Sport di tutti – Sport e Salute SPA (43 società che hanno aderito al progetto). E’ stata data la possibilità ai giovani di poter praticare ciclismo in forma gratuita

- Giro d’Italia U23 ha realizzato, in quasi tutte le tappe dell’evento, iniziative di promozione dedicate sia ai tesserati delle categorie Giovanissimi (Sprint sui rettilinei d’arrivo) che ai non tesserati (percorsi di abilità allestiti alle partenze e/o agli arrivi delle tappe).

- Bicimparo – Ultimo dei progetti avviati dalla FCI, promosso dal Consigliere Federale Maurizio Ciucci e coordinato dal Settore Tecnico Nazionale Giovanile, vedrà l’organizzazione di 27 eventi a carattere interprovinciale o regionale, in base al numero di Scuole di Ciclismo presenti in ciascuna regione. In questo progetto il Settore è entrato a far parte, con alcuni componenti (Gasparetto, Toni, Fontini e Marzano) al Gruppo di Lavoro che sta costruendo nel dettaglio il progetto.

Nel complesso possiamo dire di aver fatto un buon lavoro, sono orgoglioso di questo quadriennio e dell’operato di tutta la commissione a cui va il mio più profondo ringraziamento, fiducioso che quanto fatto possa essere il punto di partenza per altri grandi progetti della FCI

Fabrizio Cazzola