25 Giugno Giu 2018 1103 4 months ago

Grande successo in Basilicata per il progetto "La Sicurezza in Bicicletta"

Le relazioni finali dei progetti che hanno coinvolto gli Istituti comprensivi di Matera “D. BRAMANTE” e “P.G. SEMERIA”, l'Istituto "GABRIELE FAGELLA" di San Fele, l'Istituto Comprensivo Bernalda Plesso Marconi e l'Istituto Comprensivo Gesualdo da Venosa

1 (2)

Un progetto come "La sicurezza in bicicletta", caricato sul portale ‘Edustrada’ e promosso da MIUR e FCI, rappresenta la perfetta sintesi della sinergia che ci deve essere tra settore pubblico e settore privato, un’azione coordinata nella quale ognuno fa la propria parte: associazioni, istituzioni, scuole, famiglie e forze dell’ordine; sensibilizzare i ragazzi delle scuole è fondamentale per orientarli verso il rispetto delle regole della strada. Fare sistema è la migliore strategia per raggiungere il maggior numero di giovani con attività formative realizzate in sinergia dei vari partner istituzionali coinvolti che operano sul territorio in questo programma condiviso e finalizzato a rendere i ragazzi sempre più informati e consapevoli dei rischi della strada. Il progetto nasce quindi da una collaborazione con la FCI Comitato Regionale Basilicata e dalla sede locale della Polizia Stradale sulla convinzione dell’uso appropriato della bicicletta per uno sviluppo culturale dell’ambiente che ci circonda e della consapevolezza di un uso più appropriato di un mezzo per l’acquisizione di una maggiore sicurezza e prevenzione per sé e per gli altri.

Sono stati, pertanto, realizzati incontri formativi con la sede locale della Polizia Stradale nel corso dei quali sono stati illustrati i corretti comportamenti da tenere con la bicicletta quando si viaggia su strada con lezioni dedicate alla sicurezza stradale puntando così anche ad aumentare l’utilizzo delle protezioni come il casco o le pettorine precisando l’importanza di avere un vestiario che permetta al ciclista di essere notato dagli altri utenti della strada, anche prima del tramonto. Inoltre, con i tecnici della Federazione Ciclistica Italiana coadiuvati dall’insegnante di educazione fisica, sono stati realizzati incontri atti a sviluppare ed agevolare il raggiungimento della motricità nell’ambito dell’educazione fisica favorendo anche un apprendimento ed approfondimento delle nozioni di base dell’educazione stradale ed ambientale focalizzando così l’importanza della socializzazione attraverso la partecipazione diretta alle iniziative ludico-sportive.

Ad essere coinvolti sono stati: gli Istituti comprensivi di Matera “D. BRAMANTE” e “P.G. SEMERIA”, l'Istituto "GABRIELE FAGELLA" di San Fele, l'Istituto Comprensivo Bernalda Plesso Marconi, e l'Istituto Comprensivo Gesualdo da Venosa.

Gli OBIETTIVI DIDATTICI prefissati sono stati:
sviluppo delle conoscenze
conoscenza del mezzo bicicletta e dei relativi comportamenti adeguati da assumere;
conoscenza delle principali regole stradali sviluppo delle abilità: sviluppo delle capacità motorie sia condizionali che coordinative;
apprendimento delle semplici abilità tecniche relative alla guida della bicicletta;
sviluppo della capacità di equilibrio sviluppo della capacità di resistenza
sviluppo delle competenze Saper adattare gesti motori semplici in azioni proprie Trasferibilità delle abilità acquisite

OBIETTIVI EDUCATIVI: autodisciplina, autocontrollo, cooperazione ed accrescimento dell’autostima

Gli obiettivi precedentemente prefissati sono stati raggiunti dalla maggior parte dei ragazzi, nelle diverse modalità in base alle loro capacità motorie.
Durante l’ultima lezione con il percorso con i segnali stradali quasi tutti sono stati in grado di riconoscere i segnali più importanti ed hanno eseguito il giusto comportamento. La valutazione è stata fatta tramite osservazione sistematica tenendo conto, oltre che delle abilità motorie, anche:
- della partecipazione (impegno nel lavoro, autonomia e motivazione)
- del comportamento (rispetto delle regole, socializzazione e collaborazione).

A conclusione del Progetto, in ciascuno degli Istituti coinvolti, il Comitato Regionale di Basilicata della Federazione Ciclistica Italiana ha voluto ringraziare pubblicamente tutti i soggetti coinvolti con la consegna di una targa dedicata e consegnata ai Dirigenti Scolastici ed al locale Comando della Polizia Stradale. Inoltre a tutti gli alunni, veri protagonisti del lavoro svolto, è stata consegnata una medaglia ricordo di partecipazione.


SAN FELE - Una proficua giornata a San Fele dedicata alla campagna di sicurezza stradale che ha coinvolto il comune di San Fele, l’Istituto Comprensivo Gabriele Faggella e la Federciclismo Basilicata nell'ambito del terzo piano di sicurezza stradale promosso dalla Regione Basilicata. Da diversi anni nella regione lucana, la preziosa, fondamentale ed indispensabile collaborazione con le sedi territoriali della Polizia Stradale ci consente di realizzare tali progetti che sempre più stanno caratterizzando le attività verso le scuole sul tema della sicurezza e l’importanza del rispetto nei confronti degli utenti della strada più deboli.

Tra nozioni di sicurezza stradale, prove di abilità ciclistica e la simulazione dello stato di ebbrezza alcoolica, agli alunni del plesso scolastico sono stati consegnati i dispositivi di sicurezza e gli opuscoli "Percorsi di educazione stradale" alla presenza di Donato Sperduto (sindaco del comune di San Fele), Lorenzo Rispoli (Dirigente Scolastico Istituito Comprensivo San Fele), Carmine Acquasanta, Giuseppe Persano (dirigente Polizia Stradale di Potenza), Salvatore Forlenza (vice commissario), Donato D’Elia (sovrintendente capo) e Giovanni Turturiello (assistente capo) con il coinvolgimento di alcuni istruttori federali (Gianni Sacco e Gianfranco De Felice). Il comune di San Fele in seguito alla partecipazione al bando promosso dalla Regione Basilicata ha aderito al Terzo Piano Nazionale di Sicurezza Stradale.

Con parte del finanziamento ha il comune ha acquistato oltre 100 caschi che sono stati donati a tutti gli alunni che hanno partecipato al progetto. Una importante iniziativa che ha messo in evidenza il ruolo estremamente collaborativo della Polizia Stradale attorno a questi progetti che trovano sempre terreno fertile nella regione Basilicata. “Ringrazio il Comune di San Fele – ha commentato Carmine Acquasanta, delegato regionale FCI Basilicata - per averci coinvolto in questa splendida iniziativa nella certezza che il risultato ottenuto rappresenti un punto di partenza e di impulso anche per altre comunità perché, ne siamo certi, la problematica della sicurezza stradale non può in alcun modo essere ignorata e sottovalutata al fine di garantire una migliore qualità di vita attraverso una forma di educazione partecipata indispensabile sempre più nelle varie comunità ”.