31 Gennaio Gen 2018 1006 4 months ago

Al Veloce Club Borgo la regia tecnica del Meeting di Andalo

"Una grande festa per i giovani atleti e le loro famiglie da vivere senza esasperazioni agonistiche", l’augurio di Stefano Casagranda, presidente del sodalizio a cui è affidata la gestione delle gare dell’evento nazionale dal 21 al 24 giugno

logo meeting 2018

Andalo (31/01) - Dal 21 al 24 giugno 2018, il Meeting Nazionale di Società per Giovanissimi promosso dalla Federciclismo torna per la seconda volta ad Andalo, dopo la fortunata edizione del 2013. Stavolta, a prendersi cura della gestione tecnica dell’evento sarà il Veloce Club Borgo, una delle società più gloriose del Trentino. In una regione che da sempre si dimostra tra le più attive dal punto di vista del ciclismo giovanile, il Vc Borgo raccoglie un compito che fa parte della propria vocazione. La società presieduta dall’ex professionista Stefano Casagranda è difatti già promotrice ed organizzatrice della apprezzatissima Coppetta d’Oro, gara dedicata ai giovani dai 7 e 12 anni.

«Il Meeting è stato un evento fortemente voluto dalla APT Dolomiti Paganella dopo i risultati del 2013, a conferma che la nostra regione punta molto sulla promozione dello sport giovanile - spiega Stefano Casagranda - per noi è un onore accettare una sfida di respiro nazionale. Durante la Coppa d’Oro riusciamo a coinvolgere un migliaio di giovani ciclisti, provenienti dalle province vicine. Anche per questo le nostre aspettative riguardo alle presenze al Meeting sono molto positive e ci aspettiamo di coinvolgere oltre 2000 atleti.»

Il Veloce Club Borgo cresce giovani dai 7 ai 16 anni e dalle sue file sono usciti diversi corridori poi diventati professionisti. Il più rappresentativo degli ultimi anni è sicuramente Matteo Trentin, attualmente in forza alla Mitchelton-Scott. «Crescere i giovani è una bellissima responsabilità –, dice Casagranda. - È importante lasciare che si divertano finché sono ancora piccoli perché c’è il pericolo che vengano forzati subito ad inseguire il risultato. Nelle nostre manifestazioni cerchiamo di non dare troppa importanza al momento delle premiazioni, mentre valorizziamo principalmente l’evento come momento di incontro e come occasione di crescita. In bici ci si misura prima di tutto con sé stessi e ciò aiuta i ragazzi a forgiare il loro carattere. E questo è il valore che vogliamo trasmettere ai partecipanti al Meeting.»

Ad Andalo sarà un avvenimento di ciclismo a 360 gradi, spaziando dalla disciplina su strada alla mountain bike: «In questo la località è perfetta – prosegue Casagranda. - Grazie alla creazione del Dolomiti Paganella Bike, sta crescendo l’attenzione verso discipline come l’enduro e il cross country e il nostro augurio è quello di poter fare conoscere ai ragazzi e alle loro famiglie il nostro territorio anche attraverso l’uso della bicicletta. Sarà una festa per tutti e noi faremo del nostro meglio per lasciare un bel ricordo di questa esperienza a chi la vivrà in prima persona.»

Appuntamento al 21 giugno, dunque, con la sfilata di apertura seguita da quattro giorni di eventi e di gare, con le specialità strada, sprint, gincana e fuoristrada. Il tutto nella bellissima cornice delle Dolomiti di Brenta, del Parco Naturale Adamello Brenta e della Paganella. Sul sito www.andalopaganella2018.it sono disponibili tutte le informazioni sul Meeting, sulle offerte del territorio e sulle sistemazioni alberghiere.