11 Marzo Mar 2015 1037 2 years ago

Pinocchio e Icaro fanno tappa a Polesella

Crescente successo dei Progetti federali rivolti alle scuole – Nella cittadina rodigina la prima lezione teorica è stata seguita con gande interesse da oltre 150 bambini

Polesella Icaro

Polesella (RO) (9/3) - Stanno proseguendo a ritmo serrato le iniziative legate ai Progetti Pinocchio in Bicicletta e Icaro in provincia di Rovigo. L'ultima della nutrita serie è stata quella svoltasi lunedì a Polesella. I progetti, promossi dalla Federazione Ciclistica Italiana e dalla Polizia di Stato, sono arrivati alla scuola Primaria della cittadina rodigina, dove si è svolta la prima lezione teorica seguita con grande interesse dagli oltre 150 bambini.

La prima lezione, tenuta da Vittorino Gasparetto, unitamente a Sandro Baracco, Mirvano Mazzetto e dall'Assistente Capo AlbertoToffanin della Polizia di Stato, ha polarizzato le attenzioni di tutti i ragazzi che, suddivisi per fasce d'età, hanno potuto comprendere il funzionamento del mezzo meccanico e successivamente quelli legati ai valori della sicurezza stradale. Valori, come è stato sottolineato dagli organizzatori, che gli stessi ragazzi hanno ritenuto essere fondamentali per una sicurezza stradale "ormai caratterizzata da manifestazioni di maleducazione e di furbizia".

Proprio il grande interesse degli alunni per la presenza dell'"uomo in divisa" è risulto essere il motore portante del connubio tra i progetti "Pinocchio in bicicletta" e "Icaro". Idea che lo stesso Vittorino Gasparetto, componente nazionale della Commissione Giovanile Fci e consigliere del Comitato Regionale Veneto, ha nel cuore da molti anni, primo in Italia ad affiancare alla figura fantastica di Pinocchio, amato da tutti i bambini, quella reale del poliziotto, "in modo che ogni bambino possa capire e recepire come il rispetto delle regole - hanno sottolineato i rappresentanti del benemerito Gruppo Ciclisti Bosaro E.M.I.C. - non sia un astratto dovere, ma una convenienza ed una sicurezza per tutti".

Al termine della lezione, con lo scopo di poterla continuarla anche a casa insieme ai genitori, è stato consegnato un opuscolo dimostrativo, in attesa degli ulteriori incontri che termineranno con una prova pratica simulata sulla circolazione stradale, di cui in ragazzi sono in trepidante attesa.

Francesco Coppola